Crea sito

Come fare un curriculum professionale ed europeo

Un buon curriculum professionale:
quando per ottenere un lavoro non basta la formazione accademica

Proprio perchè in questo blog si parla anche di lavoro, oggi ti propongo come fare un curriculum professionale ed europeo.
Molte persone, a causa della crisi, hanno perso il lavoro oppure non lo hanno ancora trovato. Da universitario, mi trovo anch’io in questa situazione più o meno. Dico più o meno perchè ho già avuto delle proposte di lavoro e credo che il merito sia non solo della mia voglia di lavorare (pur di non studiare… 😉 ), ma anche per il mio curriculum vitae, il quale ritengo sia fatto piuttosto bene, non tanto dal punto di vista pratico ma dal punto di vista dei contenuti.
Per imparare come fare un buon curriculum vitae ti consiglio di vedere il mio ultimo video.

Dopo aver visto il video sei pronto per andare ad approfondire alcuni aspetti.

Una delle caratteristiche che saltano di più all’occhio del possibile datore di lavoro è l’estetica/grafica del curriculum. Se, per esempio, non è presente la tua foto, il risultato potrebbe essere poco gradito a chi vedrà il tuo curriculum. La funzione della foto è duplice: mostrare quale sia la tua faccia e rendere più piacevole l’estetica del documento. Prova a mostrare a qualcuno un curriculum di solo testo, anche se breve. Pensi che lo leggerebbe? No. Forse un tuo amico lo leggerebbe ma solo per farti una cortesia che, per altro, dovresti ricambiare.
Leggere un qualsiasi testo senza immagini né grafici è noioso e difficile, sia per la comprensione sia per la concentrazione che poi va a farsi benedire.
Chiaramente escludendo i libri di narrativa da questo discorso…

Sempre parlando della questione visiva, risulta importante la grafica del curriculum. Ok… è chiaro che non si può pretendere di creare chissà quale opera d’arte ma qualche linea, dei rettangoli smussati, uno schema colore fisso possono fare la differenza. C’è chi dice che questo sia sintomo di poca professionalità e concretezza. Beh, non è così. Prova a fare un curriculum vitae con Europass e vedrai che riuscirai, in poco tempo, a realizzarne uno veramente valido. L’ho usato anch’io e che dire… funziona!

Per quanto riguarda il contenuto, bisogna chiarire che anche se avessimo avuto più di 100 esperienze, non avrebbe senso metterle tutte! Bisogna mettere solo quelle più recenti e significative, che possano “parlare per te”. Un curriculum lungo è INUTILE perchè risulta difficile da leggere. Uno corto non viene preso in considerazione perchè dà l’idea di non avere avuto esperienze o comunque di non averne avute di valide. Uno moderato è perfetto.
Hai preso parte ad iniziative degne di nota? Hai vinto concorsi? Hai partecipato ad eventi o corsi che ti hanno fornito anche un attestato di partecipazione? Benissimo! Descrivi il tutto brevemente ed allega gli attestati!

Se hai un sito web oppure un blog è buona cosa inserirne i link. Se, per esempio, sei un attivo blogger da almeno un anno e hai avuto dei buoni riscontri (statistiche positive da poter mostrare) puoi persino inserire l’attività di blogger o webmaster tra le esperienze, con relativa breve descrizione. Essere attivi nel web è di fondamentale importanza per il proprio curriculum vitae perchè migliora notevolmente l’impressione che un datore di lavoro potrebbe avere di te.

Un buon rapporto con la tecnologia è da tenere conto. Avere un buon bagaglio software anche solo se si cerca di divenire impiegato per un ufficio è un valore aggiunto. Attenzione: conoscere solamente i software Microsoft (Windows, Word, PowerPoint, Excel e gli altri del pacchetto Office) non è un aspetto premiante ma uno standard. Conoscere le alternative open source come OpenOffice o LibreOffice, nonchè altri sistemi operativi (distribuzioni Linux, Mac OS…) saranno considerati come degli extra molto positivi.

Hai un’opinione politica troppo sbilanciata o comunque troppo favorevole ad un partito o ad una coalizione? Non diffonderla online o comunque cerca di non renderti famoso per il fatto di possederla. Prima di invitarti a fare un colloquio di lavoro, i datori si informeranno su chi e come sei, sia attraverso una rete di referenze già collaudate che navigando su internet. Non vorrai mica che ti etichettino come un black bloc, giusto?

Ultimo ma non ultimo, sono importanti l’organizzazione del curriculum vitae così come la distribuzione. Che significa? Significa che devi fare attenzione a come e a chi invii copie del tuo curriculum. Questo ti farà capire qual è la maniera con cui le aziende del settore di tuo interesse sono maggiormente intenzionate a contattare i potenziali candidati, chiaramente tu compreso. Il mio consiglio è quello di tracciare tutte le aziende alle quali invii il tuo documento di presentazione attraverso l’uso di un foglio di calcolo (es: Excel) oppure di una tabella in un documento di testo (es: Word).
La tabella deve contenere questi paramentri/celle:

  • nome azienda
  • posizione che vorresti ricoprire
  • data di consegna/invio curriculum
  • modalità di consegna/invio (a mano, email, piattaforma online…)
  • data in cui ti hanno contattato
  • modalità di contatto
  • esito del colloquio
  • note positive emerse durante il colloquio
  • note negative emerse durante il colloquio
  • note aggiuntive

Fai attenzione ai siti, anche al tuo personale, ed alle piattaforme pubbliche come Almalaurea: se carichi il tuo curriculum all’interno di esse, segnati il tutto nella stessa maniera che ho appena descritto, come se fossero delle aziende per le quali vorresti lavorare.

Ti lascio, quindi, con il mio curriculum così  che tu possa darci un’occhiata, nella speranza che questo articolo ti sia stato utile o che ti possa esserlo in futuro.

Potrebbe interessarti anche:

Commenti

commenti

Written by Luca Giuglietti

Sono un ventenne appassionato di tecnologia, di ferrovie, di videomaking e vfx, di sport ed in particolar modo di tennis. Mi occupo di effetti visivi (effetti speciali), web & social marketing, costruzione siti web, web & personal management. Bevo molto caffè e nel tempo libero faccio video, scatto fotografie, gioco a tennis oppure viaggio.

Website: http://cinemaemac.altervista.org